Comune di Carrara

Procedure di Valutazione di Impatto Ambientale per attività estrattive

Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Procedure di Valutazione di Impatto Ambientale per attività estrattive
Icona freccia bianca
Home Page » Documentazione » I servizi del comune » Ambiente e territorio » Marmo » Procedure di Valutazione di Impatto Ambientale per attività estrattive

DOVE RIVOLGERSI Settore: Servizi Ambientali/Marmo - U.O. Gestione Cave e U.O. Concessioni e gestione patrimonio/VIA e procedimenti ambientali in materia di cave

DESCRIZIONE

VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A V.I.A. AI SENSI DELL’ART. 48 DELLA L.R. 10/2010 e DELL’ART. 19 DEL D.LGS. 152/2006.
Ai sensi della normativa vigente, il Comune è l’autorità competente per le procedure di Verifica di Assoggettabilità a VIA per i progetti di coltivazione che prevedono un quantitativo annuo di materiale estratto fino a 60.000 metri cubi e un’area interessata dal progetto inferiore a 20 ettari, qualora i progetti non siano ricadenti nelle aree del Parco delle Apuane o nelle relative aree contigue ex art. 45 ter LR 10/2010.

 

La soglia areale di 20 ha, prevista dalla lettera s) del suddetto allegato III, è da riferirsi alla superficie del sito estrattivo come definito dall'art. 2 comma 1 lettera g) della l.r. 35/2015 (normativa regionale in materia di cave) e quindi all'area indicata e perimetrata dal proponente nel progetto di coltivazione e nella documentazione predisposta ai fini della normativa in materia di VIA; la medesima area sarà oggetto del provvedimento in materia di VIA e della autorizzazione alla attività estrattiva. Ciò non toglie che le cartografie facenti parte del progetto o del SIA possano estendersi ad un'area più ampia, al fine di rappresentare compiutamente lo stato dei luoghi e delle componenti ambientali (cit. Nota illustrativa Regione Toscana Settore VIA del 21.11.2019).

La Verifica di Assoggettabilità a VIA è preliminare al procedimento autorizzativo ex L.R. 35/2015.
Ai sensi dell'art. 19 del D.Lgs. 152/06, il proponente trasmette all'autorità competente lo studio preliminare ambientale in formato elettronico.

Il proponente deve presentare istanza secondo il modello predisposto allegando i documenti necessari per consentire l’istruttoria tecnico-amministrativa.

La documentazione deve essere inviata in formato firmato digitale ed in formato aperto es. pdf.

Entro cinque giorni, lo studio preliminare ambientale e la documentazione a corredo sono pubblicati nel sito web dell'autorità competente al link http://servizi.comune.carrara.ms.it/via/ in conformità a quanto previsto dalla disciplina sull'accesso del pubblico all'informazione ambientale. All'avvio del procedimento viene dato avviso all'albo pretorio comunale.

L'autorità competente comunica per via telematica alle amministrazioni e gli enti territorialmente interessati l'avvenuta pubblicazione sul sito web.

Entro e non oltre quarantacinque (45) giorni dalla pubblicazione e comunicazione di cui sopra, chiunque può prendere visione al link apposito dello studio preliminare e della documentazione a corredo e presentare le proprie osservazioni all'autorità competente.
Il provvedimento di verifica (Determina Dirigenziale) viene adottato entro 90 gg. dall’avvio del procedimento, salvo quanto previsto dal comma 6 dell’art. 19 del D.Lgs. 152/06.

 

Nei casi previsti dall’art. 8 comma 1 dei PABE Scheda 15 approvati con DCC 71/2020, ai sensi dell’art. 73 ter della L.R. 10/2010 la valutazione di incidenza è effettuata dal Comune nell’ambito delle procedure di Verifica di Assoggettabilità a VIA. Il proponente presenta istanza allegando la documentazione richiesta dalla normativa in materia di Valutazione di Incidenza (L.R. 30/2015).

Per quanto non esplicitato in questa descrizione si deve far riferimento alla normativa vigente in materia al momento della presentazione dell’istanza.

 

PROVVEDIMENTO AUTORIZZATORIO UNICO EX ART. 27 BIS DEL D.LGS. 152/06

Nel caso in cui il progetto venga invece sottoposto a valutazione di impatto ambientale, il proponente dovrà presentare istanza,  ai sensi dell'art. 27 bis del D.Lgs. 152/2006 “provvedimento autorizzatorio unico2, allegando la documentazione e gli elaborati progettuali previsti dalle normative di settore per consentire la compiuta istruttoria tecnico-amministrativa finalizzata al rilascio di tutte le autorizzazioni, intese, concessioni, licenze, pareri, concerti, nulla osta  e assensi comunque denominati , necessari alla realizzazione e all’esercizio del progetto.

 

La documentazione viene pubblicata al link http://servizi.comune.carrara.ms.it/via/ dandone avviso all'albo pretorio.

Entro trenta (30) giorni dalla data di pubblicazione dell'avviso, il pubblico interessato può presentare osservazioni concernenti la valutazione di impatto ambientale. Entro dieci giorni dalla scadenza del termine di conclusione della consultazione è convocata la conferenza di servizi modalità sincrona ex art. 14 ter della L. 241/90, che si conclude in novanta (90) giorni.

Nel caso di integrazioni si fa riferimento a quanto previsto dallo stesso art. 27 bis del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i.
Il provvedimento autorizzatorio unico viene rilasciato con Determinazione Dirigenziale e comprende comprende il provvedimento di VIA e i titoli abilitativi rilasciati per la realizzazione e l’esercizio del progetto, recandone indicazione esplicita.

Per quanto non esplicitato in questa descrizione si deve far riferimento alla normativa vigente in materia al momento della presentazione dell’istanza.

 

PROCEDIMENTO EX ART. 58 L.R. 10/2010 - MODIFICHE SOSTANZIALI E NON SOSTANZIALI

Il proponente, ove ravvisi la necessità di portare modifiche ad un progetto di coltivazione già autorizzato presenta al Comune (nel caso lo stesso sia individuato quale Autorità Competente dalla normativa vigente) specifica istanza, utilizzando il modello predisposto ed allegando la documentazione necessaria a supportare la richiesta.

L'Autorità Competente valuta, a seguito di specifica istruttoria, se le modifiche proposte siano sostanziali o non sostanziali. Nel caso le modifiche siano ritenute sostanziali, il relativo progetto deve essere sottoposto alle procedure di VIA.

L'eventuale esclusione dalla procedure di VIA non esonera il proponente dall’acquisizione degli atti autorizzativi previsti dalle disposizioni normative vigenti.

Per quanto non esplicitato in questa descrizione si deve far riferimento alla normativa vigente in materia al momento della presentazione dell’istanza.

 

RIFERIMENTI NORMATIVI

L.R. 10/2010: Valutazione di Impatto Ambientale

D. Lgs. N.152/2006: Norme in materia ambientale

L. R. 35/2015: Autorizzazione attività estrattive

L.R. 20/2015: Valutazione di Incidenza

PaBe Scheda 15

Regio Decreto 3267/1923, L.R. 21.03.2000 n.39 e s.m.i. - Regolamento di Attuazione D.P.G.R. 08.08.2003: Vincolo Idrogeologico

L.R. 20/2006 e DPGR 46/R/2008: Regolamento sulle norme per la tutela delle acque dall’inquinamento

D.P.C.M. 12.12.2005: Relazione paesaggistica

L. 241/90: Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi

Nota Illustrativa Regione Toscana in merito alle procedure di VIA relative alle attività estrattive 21.11.2019

 

MODULISTICA

- Istanza  Verifica di Assoggettabilità a VIA per attività estrattive

- Istanza provvedimento autorizzatorio unico ex art. 27 bis

- Istanza art. 58 LR 10/2010 modifiche al progetto

 

Ultima modifica

giovedì 08 aprile 2021

Condividi questo contenuto

Note legali - Posta Elettronica Certificata - Privacy - Redazione Web - Responsabile del Procedimento di Pubblicazione - Responsabile sito - Termini e condizioni del servizio - Whistleblowing

Comune di Carrara - piazza 2 giugno, 1 - 54033 Carrara  - Codice Fiscale e Partita IVA: 00079450458

Telefono: +39 0585 6411 - Fax: +39 0585 641381 - E-mail: urp@comune.carrara.ms.it - Posta Elettronica Certificata: comune.carrara@postecert.it

Il portale del Comune di Carrara è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Carrara è sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A.