Comune di Carrara

Canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria

Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca

Canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria

Icona freccia bianca
Home Page » Documentazione » I servizi del comune » Pagare le tasse » Canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria

DOVE RIVOLGERSI

Settore: Servizi Finanziari / Società Partecipate / Entrate - U.O. Riscossione Canone unico patrimoniale e Canone dei mercati

Ufficio preposto al rilascio passi carrabili, nonché occupazioni permanenti a privati senza finalità imprenditoriali / commerciali / produttive

Orario apertura al pubblico: il lunedì dalle ore 09:00 alle ore 12:30; dal martedì al venerdì previo appuntamento telefonando al numero 0585 641266

 

Settore: Polizia Municipale/Sicurezza Urbana/Traffico/TPL

Ufficio preposto al rilascio occupazioni temporanee e occupazioni d’urgenza

 

Settore: Urbanistica e S.U.A.P - U.O. S.U.A.P.

Ufficio preposto per l’ottenimento delle autorizzazioni all’installazione di impianti pubblicitari e all’occupazione permanente di suolo pubblico per finalità imprenditoriali, commerciali, libero professionali e/o di lavoro autonomo

 

Società: I.C.A. S.r.l.
Sede: Carrara, Via Manzoni, n°1- 54033
Orario apertura al pubblico: da lunedì a venerdì dalle ore 8:30 alle ore 13:00, martedì e giovedì dalle 14:30 alle 17:00
Telefono: 0585 70349 / 0585 777898
Fax: 0585 70349
Email: ica.carrara@icatributi.it - P.E.C. ica.carrara@pec.icatributi.com

Sito concessionaria: www.icatributi.it   
Ufficio preposto per la presentazione delle dichiarazioni di occupazione e/o esposizione relative a servizi di rete, pubbliche affissioni, volantinaggio, locandine temporanee sulle vetrine e porte di ingresso e all’interno dei locali pubblici, pubblicità all’interno e all’esterno di veicoli, pubblicità effettuata all'interno di luoghi aperti al pubblico (ad esempio, gli stadi e gli impianti  sportivi, i cinema, i teatri, le stazioni automobilistiche e di pubblici trasporti, i centri commerciali, gli androni condominiali, ecc.) se non visibile dalla pubblica via, nonché per la richiesta di informazioni sull'applicazione delle tariffe relative al canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria e al canone sui mercati

 

DESCRIZIONE

Il Canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria (Canone Unico) è la nuova entrata patrimoniale, che a partire dal 01/01/2021 sostituisce la Tassa Occupazione Spazi ed Aree Pubbliche (TOSAP), l’imposta sulla pubblicità (ICP) e il Diritto sulle pubbliche affissioni (DPA).

 

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO

Il canone è dovuto per:

  • l’occupazione, anche abusiva, delle aree appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile degli enti e degli spazi soprastanti o sottostanti il suolo pubblico. Il canone si intende dovuto anche per l’occupazione di spazi ed aree private soggette a diritto di pubblico passaggio.
  • la diffusione di messaggi pubblicitari, anche abusiva, mediante impianti installati su aree appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile del Comune, su beni privati laddove siano visibili da luogo pubblico o aperto al pubblico del territorio comunale, ovvero all’esterno di veicoli adibiti a uso pubblico o a uso privato. Si considerano rilevanti ai fini dell'imposizione: i messaggi da chiunque diffusi a qualunque titolo salvo i casi di esenzione. Si intendono ricompresi nell’imposizione i messaggi diffusi: allo scopo di promuovere la domanda e la diffusione di beni e servizi di qualsiasi natura; i messaggi finalizzati a migliorare l'immagine del soggetto pubblicizzato; i mezzi e le forme atte ad indicare il luogo nel quale viene esercitata un'attività. Rientrano nel presupposto pubblicitario tutte le forme di comunicazione aventi ad oggetto idee, beni o servizi, attuate attraverso specifici supporti al fine di orientare l’interesse del pubblico verso un prodotto, una persona, o una organizzazione pubblica o privata.

 

SOGGETTI PASSIVI

Il canone è dovuto dal titolare dell’autorizzazione o della concessione ovvero, in mancanza, dal soggetto che effettua l’occupazione o la diffusione dei messaggi pubblicitari in maniera abusiva. Per la diffusione di messaggi pubblicitari, è obbligato in solido il soggetto pubblicizzato.

Nel caso di una pluralità di occupanti di fatto, gli stessi sono tenuti in solido al pagamento del canone.

 

PAGAMENTO

Il pagamento del Canone può essere effettuato tramite PagoPa:
- accedendo al sito della concessionaria I.C.A. S.r.l.;
- utilizzando i servizi forniti digitalmente dalla propria banca;
- presso le tabaccherie e ricevitorie abilitate.
Per informazioni operative riguardanti le procedure di versamento deve essere contattata la concessionaria della riscossione ai recapiti sopra riportati.

Il pagamento del canone relativo al primo anno di autorizzazione deve essere effettuato, di norma, in un'unica soluzione, contestualmente al rilascio della concessione/autorizzazione;  per gli anni successivi il canone va corrisposto entro il 31 marzo di ogni anno. Per importi superiori a euro 1.500,00 (euro millecinquecento/00) per il canone di esposizione pubblicitaria e a euro 700,00 (euro settecento/00) per il canone di occupazione, è ammessa, previa richiesta, la possibilità del versamento in 4 (quattro) rate, la prima delle quali da corrispondere contestualmente al rilascio della concessione/autorizzazione o, per gli anni successivi al primo, entro il 31 marzo, fatte salve eventuali proroghe disposte dall’Ente; mentre le restanti tre rate dovranno essere versate entro il 31 maggio, 31 luglio e 31 ottobre, sempre che la scadenza della concessione/autorizzazione sia successiva ai predetti termini. In ogni caso il versamento del canone deve essere effettuato entro l’ultimo giorno di occupazione e/o comunque entro il termine di scadenza della concessione/ autorizzazione. Il ritardato od omesso pagamento di 2 (due) rate successive alla prima fa decadere il diritto al pagamento rateale.

 

RAVVEDIMENTO OPEROSO

In caso di omesso o parziale versamento entro le scadenze definite dal presente regolamento il soggetto passivo del canone può regolarizzare la propria posizione versando l’importo dovuto maggiorato di una sanzione ridotta fissata in ossequio al principio generale sancito dall’art. 50 della legge n. 449 del 1997 secondo le seguenti modalità:

Ritardo entro il 30° giorno dalla scadenza - sanzione fissa del 2 % dell'importo da versare;

ritardo oltre  il 30° giorno e fino al 90° giorno dalla scadenza - sanzione fissa del 5 % dell'importo da versare;

ritardo oltre il 90° giorno e fino all’inizio delle attività di accertamento di cui al successivo punto 15 - sanzione fissa del 10 % dell'importo da versare

Costituisce causa ostativa all’applicazione della sanzione ridotta fissa di cui al precedente punto 14 l’inizio di una qualsiasi attività di accertamento o verifica da parte del Comune o del Concessionario, di cui l’interessato o gli obbligati in solido abbiano ricevuto notificazione.

 

 

ESENZIONI 2022

Il Legislatore ha prorogato fino al 31 marzo 2022 l'esonero dal pagamento del Canone Unico per le imprese di pubblico esercizio di cui all'articolo 5 della legge 25 agosto 1991, n. 287 (ristoranti, trattorie, tavole calde, pizzerie, birrerie ed esercizi similari; bar, caffè, gelaterie, pasticcerie ed esercizi similari), titolari di concessioni o di autorizzazioni concernenti l'utilizzazione del suolo pubblico e per i titolari di concessioni o di autorizzazioni concernenti l'utilizzazione temporanea del suolo pubblico per l'esercizio del commercio su aree pubbliche.

Al fine di promuovere la ripresa dello spettacolo viaggiante e delle attività circensi, i soggetti che esercitano le attività sopra menzionate, titolari di concessioni o di autorizzazioni concernenti l'utilizzazione del suolo pubblico sono esonerati, dal 1° gennaio 2022 al 30 giugno 2022, dal pagamento del canone unico patrimoniale

 

RIMBORSI

Il rimborso delle somme versate e non dovute deve essere richiesto dal contribuente alla società concessionaria I.C.A. S.r.l. entro il termina di cinque anni dal giorno del versamento, ovvero da quello in cui è stato accertato il diritto alla restituzione. L’I.C.A. S.r.l. deve provvedere ad avviare la pratica per il rimborso che dovrà essere effettuato entro centottanta giorni dalla data di presentazione dell’istanza.

BOLLI PER ISTANZE OCCUPAZIONE- N. 2 bolli da € 16,00 ciascuno:

-uno deve essere versato al momento della presentazione dell'istanza, allegando alla pratica la ricevuta di pagamento , completa di codice di riferimento operazione, effettuato sul C/C BANCARIO avente IBAN: IT22P0617524510000021128090 intestato a COMUNE DI CARRARA TESORERIA , indicando nella causale: COGNOME e NOME - “ISTANZA OCCUPAZIONE / PASSO CARRABILE”,

- il secondo bollo deve essere pagato, solo dopo la comunicazione dell’avvenuto rilascio del provvedimento,  versando sempre il medesimo importo di € 16,00 sul C/C BANCARIO avente IBAN: IT22P0617524510000021128090 intestato a COMUNE DI CARRARA TESORERIA , indicando nella causale: COGNOME e NOME - “CONCESSIONE OCCUPAZIONE / PASSO CARRABILE”, presentando la relativa ricevuta di pagamento, completa di codice riferimento operazione, al momento del ritiro  della concessione, presso l'U.O. Riscossione Canone unico patrimoniale e Canone dei mercati;

AVVISO IMPORTANTE
La legge 160/2019 prevede l’applicazione di un canone maggiorato per le occupazioni e la diffusione di messaggi pubblicitari abusivi (p.es. passi carrabili senza concessione o con concessione scaduta oppure insegne/esposizioni pubblicitarie prive di autorizzazione), nonché l’applicazione di ulteriori sanzioni amministrative, ferme restando quelle previste dal Codice della Strada; pertanto si invita a verificare il possesso di apposita concessione/autorizzazione in corso di validità, provvedendo eventualmente a regolarizzare l’occupazione o esposizione pubblicitaria realizzata.

 

 

RIFERIMENTI NORMATIVI

Regolamento di istituzione e di disciplina del canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria (approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 15 del 24/02/2022);

Deliberazione del Consiglio Comunale n. 41 del 11 aprile 2007 – “Piano Generale degli Impianti Pubblicitari”;

Decreto Legislativo del 30 Aprile 1992, n. 285 “Nuovo codice della strada” e successive modificazioni ed integrazioni;

Decreto del Presidente della Repubblica del 16 Dicembre 1992, n. 495 “Regolamento di esecuzione ed attuazione del nuovo codice della strada” e successive modificazioni ed integrazioni;

Legge 27 dicembre 2019 n. 160, "Bilancio finanziario dello Stato per l'anno 2020";

Deliberazione della Giunta Comunale n. 66 del 12/03/2021 - Canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria - Tariffe 2021

Deliberazione della Giunta Comunale n. 118 del 29/04/2021 - Canone di concessione per l’occupazione delle aree e degli spazi appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile destinati a mercati realizzati anche in strutture attrezzate e Canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria - Misure agevolative 2021

Deliberazione della Giunta Comunale n. 20 del 20/01/2022 - Canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria - Approvazione tariffe anno 2022

 

MODULISTICA

  (La modulistica relativa ai passi carrabili è inserita nella sezione denominata Passo carrabile: richiesta )

- Istanza di occupazione permanente suolo pubblico senza finalità imprenditoriali
- Istanza di RINNOVO / VOLTURA occupazione permanente suolo pubblico senza finalità imprenditoriali
- Istanza di REVOCA concessione di occupazione permanente suolo pubblico senza finalità imprenditoriali
- Dichiarazione di DELEGA alla firma ed al ritiro della concessione
- Dichiarazione di ASSENSO presentazione istanza

- Tariffe Canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria
- Dichiarazione di effettuazione pubblicità (Modulo 21)

- Istanza di annullamento in autotutela

- Istanza di rateazione

- Istanza di rimborso

- Istanza di accertamento con adesione

- Carta dei servizi relativa alla concessione affidata alla società I.C.A. S.r.l.

Ultima modifica

mercoledì 28 settembre 2022

Condividi questo contenuto

Note legali - Posta Elettronica Certificata - Privacy - Redazione Web - Responsabile del Procedimento di Pubblicazione - Responsabile sito - Termini e condizioni del servizio - Whistleblowing - Dichiarazione di accessibilità

Comune di Carrara - piazza 2 giugno, 1 - 54033 Carrara  - Codice Fiscale e Partita IVA: 00079450458

Telefono: +39 0585 6411 - Fax: +39 0585 641381 - E-mail: urp@comune.carrara.ms.it - Posta Elettronica Certificata: comune.carrara@postecert.it

Il portale del Comune di Carrara è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Carrara è sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A.