Comune di Carrara

Pubblicazioni di matrimonio

Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Pubblicazioni di matrimonio
Icona freccia bianca
Home Page » Documentazione » I servizi del comune » La famiglia » Pubblicazioni di matrimonio

DOVE RIVOLGERSI
Settore: Affari Generali e Personale - U.O.: Stato civile

Tonelli Simone
 
 

DESCRIZIONE


I nubendi che intendono sposarsi devono richiedere le "pubblicazioni di matrimonio", che consiste in un avviso pubblico che viene esposto sull' Albo pretorio online.
Le pubblicazioni si richiedono presentandosi personalmente all'ufficio di Stato Civile del Comune di residenza ovvero se la coppia risiede in due Comuni diversi, occorre rivolgersi al Comune in cui risiede almeno uno dei due futuri sposi ( non e’ necessaria la presenza di testimoni).
Sarà direttamente l'ufficio a richiedere i documenti necessari per entrambi e l'avviso verrà pubblicato in entrambi i Comuni.
L'atto di pubblicazione resta affisso nei Comuni di residenza per almeno 8 giorni consecutivi più tre giorni di deposito presso l’ufficio di Stato Civile per eventuali opposizioni.
Se il matrimonio non è celebrato entro il 180° giorno successivo alla pubblicazione, questa si considera come non avvenuta.
Il matrimonio puo’ essere celebrato in qualsiasi Comune italiano previo rilascio da parte dell'ufficiale di Stato Civile di delega necessaria da comunicare al Comune prescelto.

Sarà cura degli sposi contattare tale Comune per concordare la data del matrimonio.

Documenti necessari:

- un documento di identità valido;
- marca da bollo da Euro 16,00 (per ogni avviso di pubblicazione);
- per coloro che non hanno compiuto i 18 anni: autorizzazione a contrarre matrimonio del competente Tribunale per i minorenni;
- per gli stranieri: nulla-osta al matrimonio (art. 116 del C.C.), rilasciato dall'autorità straniera competente in Italia – capacità matrimoniale rilasciata dal competente Comune estero.
- per contrarre il matrimonio con rito concordatario: richiesta di pubblicazione di matrimonio rilasciata dal Parroco al termine del corso pre-matrimoniale.


Al momento della celebrazione civile sarà richiesta la presenza di DUE testimoni  (maggiorenni) ai sensi dell'art. 107 del c.c. che dovranno essere comunicati all’Ufficiale di Stato Civile competente almeno 3 giorni prima della celebrazione.


Variazione residenza dopo il matrimonio: 
                     
Quando due persone si sposano, il cambio di residenza / indirizzo non è automatico ma occorre che entrambe si presentino all'Ufficio Anagrafe per definire la pratica.


Rapporti patrimoniali:

In difetto di diversa manifestazione di volontà, il regime che per legge regola i rapporti patrimoniali tra i coniugi è quello della comunione dei beni, così come previsto dagli articoli 177 e successive modifiche del Codice Civile.
Dal 20/09/1975, a norma della L. 19/05/75 n. 151, le coppie che contraggono matrimonio possono optare per la separazione dei beni all'atto della celebrazione del matrimonio dichiarandolo all’Ufficiale dello Stato Civile al momento delle pubblicazioni di matrimonio.  Se i coniugi sono stranieri,  in base all'articolo 30 della Legge n.218 del 1995, possono scegliere, invece, di essere regolati dalla legge dello stato di appartenenza o del luogo estero di residenza.

Nell'ipotesi di matrimonio concordatario (con rito religioso), tale dichiarazione dovrà essere accolta dal Sacerdote che celebra il matrimonio ed inserita nel relativo atto di matrimonio da trasmettere all'Ufficiale di Stato Civile per la prescritta trascrizione.

Se, successivamente alla celebrazione del matrimonio, i coniugi decidono di cambiare il regime da comunione dei beni a separazione o viceversa, devono ufficializzare la loro volontà presso un notaio attraverso un atto che attesti il cambiamento della loro posizione finanziaria, (separazione/comunione dei beni), e devono depositare l'atto presso l'Ufficio di Stato Civile del Comune dove è stato celebrato il matrimonio, perchè venga annotato sull'atto di matrimonio.

 
Il rito per la celebrazione del matrimonio non ha alcun costo.
La Sala di rappresentanza del Comune, in Piazza 2 giugno e la sala della sede decentrata di Avenza vengono concesse gratuitamente;


Per celebrare il matrimonio nel Centro Arti Plastiche, nella sala “Leo Gestri” della Biblioteca in Piazza d’Armi oppure all'interno del “Ridotto” del Teatro Animosi sarà necessario prendere accordi con la referente Botti Sandra tel. 0585/641425 .

Il costo della sala dell’Accademia di Belle Arti è da concordare con il Direttore


Il costo del giardino interno di Palazzo Binelli e’ da concordare con la Fondazione Cassa di Risparmio (tel. 0585/641394)
 

COSTI


L’atto di pubblicazione è soggetto al pagamento dell’imposta di bollo pari a € 16,00, nel caso che i futuri sposi siano residenti entrambi a Carrara, oppure 2 marche da bollo da € 16,00 nel caso in cui uno dei due sia residente in altro Comune.

 

RIFERIMENTI NORMATIVI


Codice Civile art. 116
Convenzione dell’Aja 05 Ottobre 1961
Convenzione di Monaco 05 Settembre 1980
Regolamento dello Stato civile D.P.R 396/2000

Ultima modifica

martedì 11 luglio 2017

Condividi questo contenuto

Note legali - Posta Elettronica Certificata - Privacy - Redazione Web - Responsabile del Procedimento di Pubblicazione - Responsabile sito - Whistleblowing

Comune di Carrara - piazza 2 giugno, 1 - 54033 Carrara  - Codice Fiscale e Partita IVA: 00079450458

Telefono: +39 0585 6411 - Fax: +39 0585 641381 - E-mail: urp@comune.carrara.ms.it - Posta Elettronica Certificata: comune.carrara@postecert.it

Il portale del Comune di Carrara è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Carrara è sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB Srl www.internetsoluzioni.it