Comune di Carrara

Ordinanza divieto di coltivazione ed uso acque di falda

Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Ordinanza divieto di coltivazione ed uso acque di falda
Icona freccia bianca
Home Page » Documentazione » I servizi del comune » Ambiente e territorio » Ambiente e territorio » Ordinanza divieto di coltivazione ed uso acque di falda

DOVE RIVOLGERSISettore: Ambiente - U.O.: Rifiuti/ Bonifiche e Procedure di vincolo

DESCRIZIONENel gennaio 2008 è stata emanata un’ordinanza di divieto di coltivazione di prodotti per uso alimentare, il pascolo e l’allevamento di bestiame, in alcune zone di Nazzano, Avenza e Marina di Carrara.

La disposizione si era resa necessaria a causa del superamento dei limiti di legge riferiti ai parametri di piombo e arsenico, dopo una serie di indagini effettuate dall’Ufficio Igiene e Sanità Pubblica dell’Azienda ASL n°1 di Massa-Carrara.

A seguito dell’esito di ulteriori accertamenti e analisi supplementari eseguite e valutate dai tecnici di Comune, ARPAT e ASL sull’effettivo stato di contaminazione dei terreni, è stato emanato un nuovo atto, in cui viene ristretta l’area precedentemente interdetta.
La nuova perimetrazione dei terreni interessati dal divieto, sempre situati nelle zone di Nazzano, Avenza e Marina di Carrara, è consultabile presso gli uffici del settore Ambiente.

A seguito di alcune campagne condotte nel 1990 nella Zona Industriale dal Servizio Multizonale Prevenzione USL n.2, si erano riscontrati alti valori di contaminazione di Cr VI nelle acque di falda, in particolare ad Avenza, nell’area sottostante al tracciato ferroviario Genova – Pisa sino a via Provinciale Massa Avenza. In considerazione della natura tossica e cancerogena del Cr VI per la salute dell’uomo, con Ordinanza Sindacale prot. 19900 del 26/06/1990 e successiva Ordinanza Sindacale prot. 9735 del 19/03/1991 si è provveduto a stabilire nelle aree di Avenza interessate il divieto di utilizzo delle acque di pozzo o di falda sia per il consumo umano che a scopi irrigui.
Nel 2003, a seguito di accertamenti analitici compiuti da ARPAT nell’area a valle dell’insediamento ex Ferroleghe che hanno evidenziato valori di contaminazione di Cr VI superiori alla tabella 2, All. 5, Parte IV D.lgs 152/06, è stata emessa Ordinanza Sindacale prot. 45131 del 21/10/2003 con la quale si confermava il divieto di uso alimentare di acque prelevate da pozzi nell’area delimitata a nord dalla ferrovia Genova – Pisa, a sud e ovest da via Antica Massa, a est dal Fosso Bersuglia.

ALLEGATI


 - Ordinanza n.500/08

 - Nazzano -perimetro aree interessate dall’ordinanza

Ultima modifica

venerdì 14 marzo 2014

Condividi questo contenuto

Note legali - Posta Elettronica Certificata - Privacy - Redazione Web - Responsabile del Procedimento di Pubblicazione - Responsabile sito - Whistleblowing

Comune di Carrara - piazza 2 giugno, 1 - 54033 Carrara  - Codice Fiscale e Partita IVA: 00079450458

Telefono: +39 0585 6411 - Fax: +39 0585 641381 - E-mail: urp@comune.carrara.ms.it - Posta Elettronica Certificata: comune.carrara@postecert.it

Il portale del Comune di Carrara è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Carrara è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it