Comune di Carrara

MOSTRA - Il CAP - Centro per le Arti Plastiche ospita "A sculpir qui cose divine", la mostra che il Comune di Carrara dedica ai 450 anni della morte di Michelangelo

Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Altre Notizie
Icona freccia bianca
Home Page » Documentazione » Altre Notizie » lettura Notizie e Comunicati
MOSTRA - Il CAP - Centro per le Arti Plastiche ospita "A sculpir qui cose divine", la mostra che il Comune di Carrara dedica ai 450 anni della morte di Michelangelo
MARBLE WEEKS 2014
02-07-2014
Data di scadenza della notizia: 07-09-2014

Il progetto espositivo è a cura di Giovanna Uzzani ed è inserito nella Sezione Artistica di Carrara Marble Weeks 2014, a cura di Luciano Massari.
Carrara  Marble Weeks è promossa da Comune di Carrara, Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara, Assindustria Massa-Carrara e Camera di Commercio Massa-Carrara e organizzata da Carrara Fiere e IMM Carrara.
La mostra si inaugura venerdì 27 giugno alle ore 18.30 e sarà visitabile fino al 7 settembre, dal lunedì al sabato 9.00/13.00; dal giovedì alla domenica 20.00/24.00
Confluiscono all’interno di un unico progetto dal titolo “ A sculpir qui cose divine” tre mostre, tra loro molto diverse, ma  che hanno come filo conduttore l’opera di Michelangelo e la sua presenza a Carrara con l’obiettivo di restituire alla città  il ruolo storico di assoluto rilievo avuto nelle vicende biografiche dell’artista.
La mostra dedicata a Michelangelo, che dà il titolo all’intero progetto, è curata da Giovanna Uzzani  e offre l’occasione di porre a confronto  i modelli delle Pietà michelangiolesche, dalla Pietà Vaticana alla Pietà Rondanini,  che segnano l’inizio e la fine della parabola artistica del genio del Rinascimento, con un excursus di opere grafiche legate agli studi michelangioleschi. Anche se non si tratta degli originali, le Pietà rappresentano un momento di riflessione sulle mutazioni artistiche, filosofiche e religiose dell’epoca in cui Michelangelo visse: dal raffinato naturalismo di radice classica presente nella Pietà di San Pietro, l’opera del Buonarroti attraversa le inquietudini religiose del suo tempo per giungere all’astrazione della Pietà Rondanini.
Un altro aspetto che viene evidenziato dall’allestimento del CAP è la fortuna dei modelli in gesso, di cui traccia la storia in maniera mirabile la curatrice nel suo saggio di catalogo, insieme alla fortuna che l’iconografia della Pietà ebbe nel contesto artistico/artigianale apuo-versiliese.  Oggi si assiste al recupero dei modelli in gesso, considerati preziose testimonianze della conoscenza e della fortuna degli antichi maestri come dimostrano le riproduzioni delle opere di Michelangelo che, anche grazie al numero infinito di copie, hanno fatto la fortuna dell’Artista nelle diverse epoche e fino ai quattro angoli del mondo.
Marble weeks 2014, nella sezione dedicata all’arte, vuole mettere a confronto quei modelli esemplari con la ricerca di  artisti contemporanei, che a quei modelli ancora vengono invitati a riferirsi. Ed è proprio in questo contesto di confronto fra classico e moderno, fra continuità e discontinuità che si collocano le altre due mostre ospitate al CAP,  quelle di Massimo Siragusa e di Loris Cecchini.
Il fotografo Massimo Siragusa con il progetto “Lo spazio del marmo. Viaggio nei luoghi di Michelangelo”, a cura di Renata Ferri, dedica  i suoi scatti ai luoghi michelangioleschi per eccellenza, alla ricerca della loro ineffabile potenza evocativa. Siragusa, grande narratore di città, paesaggi, biblioteche, teatri e giardini ripercorre, attraverso il suo occhio, i luoghi michelangioleschi in città: si instaura così un dialogo col repertorio che il fotografo ha dedicato negli ultimi anni al tema Teatro d’Italia, composto da immagini che ritraggono le principali piazze e i luoghi maggiormente identitari  del paese, i più noti e fotografati, dunque trasformati in stereotipi, svuotati della identità originaria e divenuti set di storie diverse.
In  “Bushwalking” Loris Cecchini, uno dei più affermati protagonisti di livello internazionale della nuova scena artistica italiana, propone una serie di  opere caratterizzate da una dialettica costante tra natura e artificio, dove il progettare stesso emerge come idea e ideale dell'opera compiuta e dove la trasfigurazione è l'elemento cardine. Loris Cecchini, che da sempre sperimenta materiali e tecniche diverse, si confronta, per la prima volta,  con il marmo.
L’evento espositivo ideato per le celebrazioni dei 450 anni della morte di Michelangelo sarà corredato da una serie di incontri dedicati al genio del Rinascimento che si svolgeranno nel Giardino di Palazzo Binelli. Si inizia il 14 luglio con una maratona per Michelangelo proposta da  Marco Senaldi. Michelangelo immaginario a Carrara. Serata Michelangelo mette a confronto cinema video e scultura attraverso gli interventi di artisti, critici ed esperti di produzioni cine-televisive.
Sono, inoltre, previste altre due conferenze: Michelangelo e il Novecento uno sguardo su architettura arte e design dedicata all’esposizione-evento allestita a Casa Buonarroti e alla Galleria Civica di Modena, tema affidato a Marco Pierini; e la conferenza  con Giovanna Uzzani, curatrice del progetto espositivo del CAP.

Allegato: locandina michelangelo.pdf (5127 kb) File con estensione pdf
Ultima modifica 05/09/2014

Notizie e Comunicati correlati

28-01-2020
- Sarà Federico Giannini il protagonista dell’ultimo incontro de “I Giovedì del CARMI. ....
14-01-2020
-   Primo appuntamento nel nuovo anno con “I Giovedì del CARMI. Incontri d’arte”. ....
06-12-2019
- La presentazione del catalogo della mostra “Canova. Il viaggio a Carrara”   “I ....
18-11-2019
- via giovedì 21 novembre l’iniziativa “I Giovedì del CARMI. Incontri d’arte”, ....
11-10-2019
- Domenica 13 ottobre apertura gratuita dei tre Musei di Carrara per la Giornata Nazionale delle Famiglie ....

Immagini correlate

Palazzo del Principe - Interno
Palazzo del Principe - Interno
Museo Civico del Marmo
Museo Civico del Marmo
Palazzo del Principe
Palazzo del Principe
CAP-Centro Arti Plastiche (interno)
CAP-Centro Arti Plastiche (interno)
Museo Civico del Marmo
Museo Civico del Marmo
Palazzo del Principe - Biblioteca
Palazzo del Principe - Biblioteca
CAP-Centro Arti Plastiche (interno)
CAP-Centro Arti Plastiche (interno)

Condividi questo contenuto

Note legali - Posta Elettronica Certificata - Privacy - Redazione Web - Responsabile del Procedimento di Pubblicazione - Responsabile sito - Whistleblowing

Comune di Carrara - piazza 2 giugno, 1 - 54033 Carrara  - Codice Fiscale e Partita IVA: 00079450458

Telefono: +39 0585 6411 - Fax: +39 0585 641381 - E-mail: urp@comune.carrara.ms.it - Posta Elettronica Certificata: comune.carrara@postecert.it

Il portale del Comune di Carrara è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Carrara è sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB Srl www.internetsoluzioni.it